Istituto Toniolo

Definire la mission propria dell’Istituto Toniolo di Studi Superiori o, in termini intimamente connessi, presentare l’identità dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e impegnarsi conseguentemente a sostenerne la realizzazione in modo coerente, sono il senso profondo e l’obiettivo essenziale del “Toniolo”. Per Statuto, infatti, esso deve  “assicurare e garantire il perseguimento dei fini istituzionali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore”.

Tali fini sono così precisati nella carta statutaria dell’Ateneo: “Un’istruzione superiore adeguata e un’educazione informata ai principi del cristianesimo, nel rispetto dell’autonomia propria di ogni forma del sapere e secondo una concezione della scienza posta al servizio della persona umana e della convivenza civile, conformemente ai principi della dottrina cattolica e in coerenza con la natura universale del cattolicesimo e con le sue alte e specifiche esigenze di libertà”. Il perseguimento della finalità primaria del “Toniolo”, mentre coinvolge direttamente la responsabilità dei suoi membri nel senso di un debito da assolvere, diventa un bene prezioso e promettente per il cammino dell’Università e, di riflesso, per la crescita della comunità ecclesiale e della stessa società civile. La finalità del “Toniolo” si pone perciò non come una prospettiva statica, ma come un’intuizione intensamente dinamica: a partire dalla tradizione è capace di leggere e interpretare il futuro, favorendo tra i giovani un esercizio concreto di libertà e di dedizione che motiva la loro ricerca culturale e le loro esperienze personali e sociali.

________________________________

 Università cattolica

Fondata a Milano nel 1921 da padre Agostino Gemelli, l’Università Cattolica del Sacro Cuore è il più importante Ateneo cattolico d’Europa e, a fronte di una crescente apertura internazionale, è anche l’unica Università italiana che può vantare una dimensione nazionale con i suoi cinque Campus: Milano, Piacenza, Cremona, Brescia e Roma, dove è presente anche il Policlinico Universitario “A. Gemelli”.

Grazie a una tradizione ormai quasi centenaria, al riconosciuto prestigio e alla qualità del personale docente e non docente, allo stretto legame con il mondo imprenditoriale e istituzionale, l’Università Cattolica offre ai propri studenti non solo una preparazione culturale solida e le indispensabili competenze professionali, ma anche una chiara proposta educativa.

Didattica di riconosciuto prestigio, impegno sulle frontiere della ricerca e servizi di qualità sono i punti di forza di un’Istituzione da sempre aperta all’innovazione e al cambiamento.

In questo senso, l’Ateneo del Sacro Cuore si inserisce a pieno titolo nella tradizione europea come luogo di elaborazione culturale, in cui è forte ed essenziale la tensione verso un sapere ampio e unificante, capace di leggere e interpretare la complessità della realtà in cui siamo immersi. Una missione che si traduce in una proposta educativa incentrata sulla formazione integrale della persona.

A partire da questi presupposti e da quest’impegno, l’Università Cattolica ha formato una parte significativa della classe dirigente del nostro Paese. Tra le decine di migliaia di laureati, dalla fondazione a oggi, figurano eminenti esponenti delle istituzioni, della politica, del diritto; accademici e intellettuali, imprenditori e manager, insegnanti e professionisti, vescovi e giornalisti, editori e scrittori. E tanti altri ancora, noti e meno noti, che hanno contribuito a rafforzare la reputazione dell’Università Cattolica in Italia e nel mondo.

________________________________

Camplus

In Camplus College, la crescita della persona è al primo posto. È per questo che offriamo spazi accoglienti e funzionali in cui vivere e studiare diventa un piacere, ma soprattutto luoghi di relazione dove respirare cultura e professionalità. Il nostro intento è quello di accogliere gli studenti, potenziare le loro capacità e incoraggiare le loro aspirazioni, all’interno di una realtà viva e in continua evoluzione. Promuoviamo il confronto aperto e libero tra di loro, li stimoliamo ad essere propositivi e, dunque, a fare la differenza.

“Desideriamo far emergere il talento di ogni studente, integrando quello che l’università già fa, non  sostituendola certamente, affinché ciascuno possa tirar fuori quella differenza di potenziale che lo caratterizza e tramutarla in azione e impegno.
Per noi ogni studente è un “cantiere”: ce ne prendiamo cura, lo sosteniamo nel suo percorso di studi e rispondiamo alle sue necessità relative al futuro. Per questo, la relazione con gli studenti e il legame con il mondo accademico, culturale e produttivo sono alla base del nostro operare ”.  [Maurizio Carvelli. Founder & CEO Camplus]

In Camplus College desideriamo che gli studenti si sentano a casa anche lontani da casa. In Camplus College il vero protagonista sei tu.

________________________________

Loescher editore

Loescher Editore è una storica casa editrice italiana, con sede nel cuore di Torino, che da oltre 150 anni pubblica libri di testo per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Negli anni più recenti, Loescher ha ampliato il suo catalogo con testi per lo studio dell’italiano per stranieri e per la formazione degli adulti.

Loescher Editore pubblica anche alcuni dizionari, tra cui il dizionario di latino IL di Luigi Castiglioni e Scevola Mariotti e il dizionario di greco GI di Franco Montanari. I rapporti con i docenti e il mondo della scuola sono tenuti da una rete commerciale organizzata in agenzie, di propaganda e distribuzione, dislocate sull’intero territorio nazionale.

Loescher Editore divisione di Zanichelli editore SpA è ente accreditato per la formazione del personale della scuola, ai sensi del DM 170/2016

________________________________

Editori Laterza

Tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta il panorama editoriale muta radicalmente. Il raffreddamento del dibattito ideologico-politico e il tramonto del cosiddetto «impegno» sono alla base della crisi del settore dell’editoria di cultura, con particolare riferimento all’area della saggistica. Vito Laterza, in questa fase difficile, deve ridimensionare le collane economiche e ridurre in generale le tirature medie, con l’inevitabile effetto di aumentare i titoli pubblicati. Può fare leva invece sulle opere per la scuola e sulla domanda, ancora crescente, espressa dall’università.

Del 1981 è la «Biblioteca Universale Laterza», finalizzata a valorizzare soprattutto il catalogo di opere di storia e di classici della filosofia, risolvendo il problema dei limiti di dimensione e di prezzo delle collane tascabili. Nel 1989 viene varata la collana «Manuali Laterza» che, oltre a intervenire nelle aree disciplinari tradizionalmente familiari alla Laterza, apre nel tempo nuovi filoni quali il diritto, la filologia romanza, la pedagogia e la didattica. L’esigenza di rinnovare la proposta editoriale si fa sentire anche sul fronte della saggistica: nascono così due collane, «i Robinson» (1980), destinati alla saggistica divulgativa, e i «Sagittari Laterza» (1986), dedicati a temi più specialistici. Come nel caso della «Biblioteca Universale», queste iniziative scaturiscono dalla necessità di diversificare l’offerta rispetto alle collane tascabili.
Crescente peso assumono anche i rapporti di collaborazione con importanti istituti di credito e aziende, ma anche con un’istituzione come la Banca d’Italia, di cui viene assunta la pubblicazione della «Collana Storica» (1989).

Nell’autunno del 1989 la Laterza cessa di essere una società tutta familiare e di essere governata da un consiglio d’amministrazione di famiglia, pur essendo confermati i ruoli di Vito Laterza come consigliere delegato e di Paolo Laterza come presidente (già dal 1970) del consiglio d’amministrazione. Ancora una volta, è necessario riconfigurare il profilo delle attività.

Nel 1993 viene lanciata la collana «Economica Laterza» che, non più in formato tascabile ma con le stesse caratteristiche di prezzo di copertina, ha rinnovato l’esperienza della «Universale Laterza» e ha contribuito a rilanciare tutto il catalogo, recente e meno recente, della Casa Editrice.
Vengono inoltre avviate iniziative di collaborazione internazionale con altre case editrici. La più significativa è, senza dubbio, la collana «Fare l’Europa», che nasce nel 1993 con l’intento di ricostruire i tratti comuni del Vecchio Continente alle soglie dell’unificazione europea. Il progetto, ideato dalla Laterza e diretto da Jacques Le Goff, raccoglie le energie di altre quattro case editrici – Editions du Seuil, per la Francia; Blackwell, per il Regno Unito; Beck, per la Germania; Crítica, per la Spagna – ed è seguito da editori partner portoghesi, olandesi, ceki, slovacchi, polacchi, ungheresi, bulgari, lituani, turchi, coreani, giapponesi.

________________________________

Residenze Universitarie Internazionali – Fondazione RUI

Le Residenze Universitarie della RUI affiancano alla crescita universitaria un progetto di formazione personalizzata, perché i ragazzi non siano solo brillanti laureati, ma persone autentiche.

Offrono agli studenti universitari l’ambiente giusto per studiare, per divertirsi, per impegnarsi. Per vivere.

Il clima di libertà e di confronto, il respiro internazionale, gli spazi pensati per affrontare al meglio gli anni universitari rendono le Residenze della RUI l’habitat naturale dello studente. Quattordici Residenze in sei città italiane, una rete internazionale per le esperienze all’estero.

Nata a Roma nel 1959, la Fondazione Rui è tra i fondatori della Conferenza permanente dei Collegi Universitari di Merito ed è membro dell’EUCA (European University College Association), rete internazionale di più di 200 residenze universitarie e 50.000 studenti.